You are currently viewing Arginare la criminalità

Arginare la criminalità

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Narrazioni
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Armonia. Caccia, 370.

Era una giornata uggiosa ad Armonia, la pioggia battente rumoreggiava sui balconi delle belle abitazioni dei buoni cittadini dell’Impero. Dai giardini di palazzo, le guardie in formazione pattugliavano avanti e indietro grondanti di acqua e ruggine, mentre dal fondo del lungo sentiero alberato il suono della tromba da tirarsi riecheggiava solenne. 

Il messo imperiale, abbigliato a valletto e accompagnato dagli armigeri, si faceva strada tra le poche genti venute al cospetto del Palazzo di Astoria per udire le nuove sugli emendamenti di legge.

<< Udite, udite o rispettati cittadini di Armonia! L’Imperatrice Astoria, in seno al Consiglio dei Nobili Elettori di Mira, ha emanato le seguenti nuove leggi a tutela della sicurezza di ciascun abitante di queste Terre Benedette. >> 

<< A partire dal mese di Agon si considereranno ufficiali i seguenti emendamenti al Codice Legislativo imperiale.>> 

<< Al fine di mettere un freno alla dilagante diffusione di armamenti tra il popolo, nel tentativo di dare un contegno alla dilagante criminalità e di impedire la formazione di milizie armate insalubri per la sicurezza dei cittadini; l’Imperatrice comanda che da oggi sia d’obbligo il sequestro di tutto il materiale bellico ritrovato in possesso di armigeri ostili all’Impero, siano essi criminali, banditi, soldati invasori, milizie non ufficiali, creature abiette o zadrak.
Il sequestro sarà responsabilità del Tenutario del Feudo in cui avviene il ritrovamento degli armamenti che potrà disporre delle sue guardie per far rispettare la legge. In aggiunta qualsiasi ufficiale dell’Impero sarà considerato garante, contestualmente a questo provvedimento, e dovrà provvedere al sequestro degli armamenti a supporto o in sostituzione del Feudatario del luogo.
Armi e armature sequestrate dovranno essere custodite e consegnate al più vicino avamposto militare entro e non oltre 3 giorni dal ritrovamento parallelamente ad una bolla di responsabilità firmata dal responsabile e controfirmata dall’ufficiale che prenderà in carico la consegna. L’inottemperanza di questo emendamento, a opera di ogni coinvolto, si considererà Tradimento all’Impero e verrà punito in egual misura. >> 

<< Ma le modifiche alle nostre amate Leggi Imperiali, non finiscono qui…>>

<< La Benedetta Imperatrice Astoria ha molto a cuore la sorte dei suoi amati sudditi e non intende indugiare oltre con le angherie che molti stanno subendo a causa degli attacchi incendiari nei dintorni di Genesi delle Acque e Capo dei Re.
Ecco perché l’Imperatrice si è espressa a favore di un controllo più severo nei confronti degli alchimisti e dei Deidar che culminerà con la fondazione di una gilda con oneri di responsabilità e istruzione su ciascuno speziale, al fine di impedire che possano essere create e contrabbandate sostanze pericolose per la sicurezza dei cittadini.
Verranno ascoltati i pareri di eminenti magister per stilare alcune proposte di regolamenti e gli alchimisti di tutto l’impero potranno esprimersi a favore di una specifica gilda apponendo firma. La gilda che avrà raccolto più firme entro Maestro si considererà ufficiale e obbligatoria per continuare ad esercitare la professione senza incappare in un crimine ai sensi della Legge Imperiale.>>

Esattamente come era giunto, il messo si allontanò sotto la pioggia in direzione del Palazzo tra gli sguardi rassicurati dei cittadini accorsi per ascoltarlo. Di lì a poco gli strilloni di tutto l’Impero non avrebbero parlato d’altro. 

Lascia un commento